Sambuco per ridurre i sintomi dell’influenza

In caso di influenza, raffreddore, catarro, sinusite e stati febbrili un aiuto può arrivare dalla pianta di SAMBUCO.

I suoi fiori aumentano le difese delle vie respiratorie superiori. Potremmo dire che hanno un effetto espettorante e, promuovendo la diuresi e la sudorazione, aiutano a disintossicare il corpo portando un certo giovamento anche nelle condizioni artritiche.

 

Il loro tempo balsamico, cioè di raccolta, è da aprile a giugno ma puoi comodamente fare ricorso in ogni momento ai fiori essiccati che trovi in erboristeria, pronti da usare per preparare un INFUSO (15 g in mezzo litro di acqua, lasciare riposare 15 minuti, tre tazze al giorno lontano dai pasti).

Una valida alternativa è l’ESTRATTO INTEGRALE, se privo di alcool e naturale al 100% (senza conservanti, coloranti, aromi o edulcoranti artificiali).

 

Questo arbusto, che può crescere fino a diventare un alberello di circa 6 metri, anticamente in Germania veniva chiamato ‘Albero di Holda’. 

Secondo il folclore germanico medievale Holda era una fata buona che abitava nel sambuco e che a chiunque la pregava elargiva favori salutari. 

Forse per questo motivo in passato, un po’ in tutta Europa, il sambuco veniva di frequente piantato vicino alle abitazioni come pianta beneaugurante e capace di tenere lontani i mali.

 

Dal punto di vista naturopatico è interessante l’azione che il sambuco esplica a livello di tutti gli organi escretori.

Infatti favorisce la sudorazione, la diuresi e l’evacuazione delle feci. Dunque l’espulsione delle scorie.

Ed è proprio il drenaggio delle tossine il primo passo da fare per favorire l’auto guarigione  anche in caso di malattie da raffreddamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *