4 segreti per innaffiare risparmiando acqua

D’estate con il caldo i fiori e le piante hanno più sete. 

È possibile innaffiare risparmiando tempo e acqua.

Ecco 4 utili accorgimenti:

  1. Irrigare la sera. Quando la temperatura di aria e suolo sono in calo, l’acqua può essere assorbita più in profondità dalla terra ed evapora con meno facilità.
  1. Ombreggiare i vasi. Il che vuol dire mettere all’ombra i vasi con tutte le piante oppure  ricoprire con cartone, iuta o assi di legno solamente i vasi. Serve a mantenere più fresca la terra e a limitare l’evaporazione dell’acqua.
  1. Effettuare la  pacciamatura.  Ovvero coprire il suolo con paglia o fieno oppure con erba e foglie preventivamente essiccate. Aiuta a mantenere il suolo fresco. È necessario fare uno strato di una quindicina di cm alla base delle piante coltivate, invece per i vasi meglio uno strato di 5 cm di corteccia o lapillo vulcanico. Se si sceglie con una certa attenzione il materiale, la pacciamatura può anche diventare un elemento ornamentale che caratterizza lo stile di orti, giardini e balconi. 
  1. Utilizzare l’acqua di cottura delle verdure (a patto che non sia stato aggiunto il sale). E’ molto ricca di nutrienti. Va  diluita con altra acqua e distribuita con un annaffiatoio.

L’acqua è un bene prezioso e va usata con cura.

Con le nostre scelte quotidiane possiamo tutti quanti dare un concreto contributo al risparmio idrico. Puoi approfondire questa tematica leggendo questo mio precedente post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *