Equiseto, un alleato per capelli e unghie

Se conosci le piante medicinali e hai avuto l’occasione di raccogliere l’equiseto, avrai notato, passando  le dita sul suo fusto, che è abrasivo. Questo è dovuto all’accumulo di acido silicico e silicati nei suoi tessuti.

 

Il SILICIO è presente in tutto il nostro organismo e contribuisce ad assicurare la solidità scheletrica, la plasticità della cartilagine e l’elasticità dei vasi e dei tessuti.

Purtroppo l’alimentazione moderna, spesso troppo ricca di cibi raffinati, non riesce ad assicurare un’adeguata integrazione di questo prezioso minerale e una carenza di silicio, oltre a determinare la rarefazione della trama ossea, può influire anche sul benessere di capelli e unghie.  

 

Una volta nelle campagne si preparavano degli ottimi decotti remineralizzanti con le fronde di equiseto lasciate sobbollire per una mezz’oretta in modo da estrarre molta silice (il decotto, dopo essere stato filtrato, veniva anche utilizzato per fare semicupi contro le emorroidi e lavaggi in caso di piaghe e ulcere alle gambe).

Nella società moderna in cui prevale l’esigenza di avere soluzioni facili e rapide, risulta più semplice ricorrere agli integratori: ecco che in erboristeria e farmacia si possono trovare molti preparati ricchi della polvere di questa pianta. Sono utili al cambio stagione, soprattutto all’inizio del periodo autunnale, per chi ha capelli deboli e unghie fragili.

 

Se capelli che cadono e unghie che si spezzano sono il tuo problema, per prima cosa però devi garantire, con una buona alimentazione, tutti i nutrienti indispensabili alla salute di questi annessi cutanei (in questo mio precedente post puoi trovare numerose  indicazioni a riguardo).

Nel caso invece sia necessario ricorrere ad integratori, tieni presente che maschi e femmine hanno esigenze diverse e quindi l’integrazione sarà molto più efficace se pensata ad hoc. Questo vuol dire che, al di là dell’equiseto e di eventuali estratti di miglio (in genere sempre raccomandabili),  le formulazioni per capelli e unghie dovranno prevedere sostanze diverse a seconda che siano ‘per lui’ o ‘per lei’.

 

Un’ultima cosa: la bellezza naturale non si raggiunge in un giorno. Ci vorranno almeno 4-6 settimane prima che l’integratore produca i primi visibili effetti. Infatti perché un’unghia della mano cresca dalla sua base alla punta ci vogliono circa 6 mesi e i capelli allungano poco più di un centimetro ogni 30 giorni.

Dunque il mio consiglio,  nel frattempo che si impara a mangiare bene, è di usare l’integratore per due o tre mesi consecutivi al fine di garantire un apporto sufficiente di silicio in maniera permanente.

 

P.S. Altri suggerimenti per una chioma bella e forte li puoi leggere cliccando qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *