Un aiuto ai malati che non rispondono più alle cure

Negli ultimi mesi si è sentito parlare quasi esclusivamente di Covid, ma esistono altre patologie e altri malati e quelli oncologici sono tra i più fragili e bisognosi.

La Fondazione Internazionale Valsè Pantellini per la Ricerca e lo Studio delle Malattie Degenerative da molti anni, con umanità e competenza, è a fianco di chi si trova ad affrontare questa dura prova e in queste ultime settimane ha lanciato una raccolta fondi per finanziare uno studio osservazionale sui malati di tumore che non rispondono più alle terapie e che non rientrano più in nessun protocollo.

 

Il progetto – che partirà dopo l’estate – prevede per i pazienti un trattamento di supporto, secondo la metodica Pantellini, basato sulla somministrazione più volte al giorno di ascorbato di potassio con ribosio (più sostanze fisiologiche e vitaminiche) per alleviare la sintomatologia dolorosa e dare la migliore qualità di vita possibile, limitando al massimo l’impiego di antidolorifici di tipo oppioide che comportano effetti collaterali sia a livello intestinale che del sistema nervoso centrale. 

Saranno arruolati un massimo di venti pazienti oncologici nel territorio fiorentino che non rispondono più a trattamenti radio-polichemioterapici e che sono indirizzati a palliazione per il dolore da seguire a livello domiciliare. 

Ogni paziente sarà visitato all’inizio per avere i parametri clinici e biologici, per impostare il diario clinico e proporre lo schema di supporto più idoneo. La qualità di vita sarà poi monitorata attraverso visite mediche periodiche e il controllo di parametri clinici. Le spese relative alle cure e alle eventuali indagini strumentali da fare saranno totalmente a carico della Fondazione Pantellini e, se le risposte saranno confortanti, lo studio sarà poi ampliato a livello regionale o anche nazionale, arruolando eventualmente un più significativo numero di persone.

 

Poiché la Fondazione non dispone dei fondi necessari per sviluppare autonomamente questo progetto, ha predisposto una Raccolta Fondi sulla piattaforma “Produzioni dal Basso”, grazie al supporto e al sostegno di Terra Nuova Edizioni. 

La cifra richiesta è importante (€50.000,00) e serve a coprire solo parte delle spese. 

Ognuno può donare liberamente quello che può, anche un solo euro.

Un euro è una cifra piccola che ciascuno di noi si può permettere, anche in tempi economicamente così difficili.

Ma è in grado di fare la differenza. 

Se 20-30-50 mila persone donassero anche un solo euro, sarebbero raccolti 20-30-50 mila euro!

 

Dunque vi invito caldamente a condividere questo post in modo che l’unione possa fare la forza. 

Se tutti diamo qualcosa, in base alle nostre possibilità economiche, insieme potremo fare tanto e supporteremo la Fondazione Pantellini in questo importantissimo progetto: cercare di migliorare le condizioni e le aspettative di vita dei malati oncologici terminali.

I tumori sono purtroppo patologie oggi sempre più diffuse e quasi ogni famiglia si trova a fare i conti con questa durissima realtà.

Aiutiamo la Fondazione Pantellini ad aiutare. 

Aiutiamo sempre chi è in difficoltà. 

Come diceva Immanuel Kant “La solidarietà del genere umano non è solo un segno bello e nobile, ma una necessità pressante, un ‘essere o un non essere’, una questione di vita o di morte”. 

Perché, nell’economia universale, ogni azione, prima o poi, torna sempre indietro. 

Scegliamo di seminare il bene.

 

  • Per maggiori informazioni sul progetto della Fondazione Pantellini e per contribuire alla raccolta fondi cliccare qui: 

https://www.produzionidalbasso.com/project/diamoci-una-mano-con-il-metodo-pantellini/

 

  • Ulteriori notizie sulla Fondazione Valsé Pantellini visualizzabili qui: 

valsepantellini.org

 

  • Per approfondimenti sull’ascorbato di potassio è possibile leggere anche questo mio precedente articolo: “Ascorbato di potassio per la prevenzione antinfettiva (e non solo)” con intervista al dottor Guido Paoli, fisico e responsabile scientifico della Fondazione Internazionale Valsè Pantellini e al Dottor Andrea Bolognesi, medico e consulente medico della  Fondazione stessa. È inoltre appena uscito il libro del dottor Guido Paoli “Ascorbato di potassio, la molecola intelligente per regolare le difese dell’organismo” pubblicato da Terra Nuova Edizioni.

1 pensiero su “Un aiuto ai malati che non rispondono più alle cure”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *