Risotto al tarassaco

Comunissima in tutte le nostre regioni, dal piano fino a 1700 m di quota, il tarassaco è una pianta officinale spontanea dalle virtù depurative.

Le foglie giovani, raccolte all’inizio della primavera prima della fioritura (successivamente risulterebbero troppo amare e piuttosto dure), sono un’ottima verdura da consumare fresca oppure cotta. Io a volte le utilizzo anche per preparare un RISOTTO dal sapore leggermente amaro ma gustoso e salutare.

 

Ecco la RICETTA PER 4 PERSONE:

 

Ingredienti

6 pugni di riso parboiled

2 scalogni

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

20 foglie fresche di tarassaco di media dimensione

brodo vegetale, sale e pepe q.b.

 

Preparazione

Sbollentare in poca acqua per 3-4 minuti le foglie di tarassaco (per 4 persone una ventina sono sufficienti, di più renderebbero il risotto troppo amaro), tritarle finemente con la mezzaluna e metterle da parte.

In una casseruola antiaderente far soffriggere leggermente gli scalogni affettati con l’olio, salare, pepare e unire il riso.

Tostare leggermente poi continuare la cottura unendo via via il brodo vegetale e girando sempre.

Verso la fine aggiungere il tarassaco, cuocere ancora 5 minuti e servire.

 

Ricorda di raccogliere il tarassaco, come del resto tutte le erbe selvatiche, lontano da strade trafficate e fonti di inquinamento, ad esempio canali di scolo, allevamenti di animali, discariche, aree industriali o parchi frequentati da cani e altri animali. Fai attenzione anche ad evitare i campi sottoposti a trattamenti chimici o a sversamento di liquami.

Raccogliere erbe selvatiche, radici e bacche nel silenzio nella natura incontaminata è una bella emozione oltre che un salutare esercizio all’aria aperta. Prendi, però, sempre con rispetto in modo da lasciare altre piante sul posto per garantirne la sopravvivenza e senza sradicarle se ti occorrono solo le foglie.

 

P.S.

Il tarassaco ha un effetto rinfrescante sul calore del fegato, depura e dissipa gli accumuli. Puoi approfondire le sue tante proprietà leggendo questo mio precedente post: “Le virtù del tarassaco”.

Sempre con le foglie, si può preparare un’ottima insalata adatta a questo cambio stagionale. Clicca qui per vedere la ricetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *