Lo Stress cancella gli effetti benefici di una sana alimentazione

Lo dice un esperimento USA condotto su un campione di donne.  Lo studio, pubblicato sulla rivista MolecularPsychiatry e condotto presso la Ohio University da un gruppo di ricercatori,  mostra come lo stress sia in grado di annullare gli effetti positivi che il consumo di grassi insaturi dona al nostro organismo.

Nell’esperimento le donne esaminate sono state invitate a consumare due tipi di colazione differente:
una colazione pesante, a base di grassi saturi (i cosiddetti “grassi cattivi”), con salsicce, biscotti e salse varie e una colazione più leggera a base di grassi insaturi (i “grassi buoni”), ricca di semi e olio di girasole.
Una volta terminato il pasto, i ricercatori – ignari su come fossero state suddivise tra i soggetti le due forme di colazione – hanno effettuato un prelievo di sangue  e grazie a questo esame hanno potuto capire chi tra loro avesse ingerito alimenti sani: le donne che avevano consumato grassi insaturi, infatti, presentavano valori nel sangue migliori rispetto a quelle che si erano nutrite con grassi saturi.
 
Dalle analisi è emerso, però, anche un dato atipico: alcune donne sottoposte a colazione leggera non presentavano valori del sangue diversi dalle altre. In modo particolare, quelle che il giorno precedente avevano vissuto una giornata pesante o stressante. Queste donne mostravano, infatti, valori ematici del tutto identici alle donne sottoposte a colazione a base di grassi saturi.
Così i ricercatori sono giunti alla conclusione che lo stress è in grado di influire negativamente sugli effetti benefici dati da una sana alimentazione.
 
Lo STRESS è un elemento naturale della vita e come tale è inevitabile. È una reazione di adattamento a vari eventi che ci mettono in difficoltà sia sul piano fisico che mentale-emotivo. È quindi una reazione sana di risposta del nostro organismo. Il problema sorge quando lo stress supera una determinata soglia di intensità e perdura a lungo nel tempo. In questo caso, le nostre riserve di energia andranno pian piano a esaurirsi e la fase positiva di adattamento lascerà il posto ad uno stato di profondo malessere (poi ciascuno di noi avrà una parte del corpo preferenziale in cui manifesterà tale malessere o accumulerà le tensioni).
 
Che fare?
Dobbiamo, innanzitutto, imparare a riconoscere quando siamo sotto stress.
In secondo luogo dobbiamo imparare a utilizzare in modo cosciente le nostre risorse interne. È molto importante, ad esempio, il modo in cui vediamo le cose: se interpreto un evento come minaccia al mio benessere, ciò mi procurerà stress, ma se lo stesso evento lo vedo in un’altra luce ciò mi permetterà di affrontare meglio la situazione. A volte qualche accadimento rappresenta effettivamente una reale minaccia per me, ma a volte non è così, sono io che lo percepisco come pericolo. È necessario essere sempre consapevoli per cercare di innescare le reazioni più adatte.
 
La consapevolezza, dunque, è lo strumento più potente che possiamo avere perché crea le condizioni per rispondere in maniera appropriata agli eventi.
Chiedersi sempre:
  • Ciò che mi sta procurando stress è qualcosa di realmente minaccioso per il mio benessere?
  • Come sto affrontando questa situazione? Sto reagendo automaticamente, sempre nello stesso modo? Sto mettendo in atto dei comportamenti inappropriati-distruttivi (mangiare troppo o troppo velocemente, iperattività, iperlavoro, assuefazione a alcol/sigarette/caffeina/farmaci)?
  • Come posso rispondere a questo evento stressante in modo diverso e trasformarlo in una porta che si apra verso una crescita?
Vorrei chiudere questo post citando le parole dell’illustre medico Jon Kabat-Zinn:
 
“Gli eventi stressanti diventano i venti che soffiano nelle tue vele e ti permettono di navigare nel mare della vita. Come succede con i venti, certamente non riuscirai a seguire sempre la rotta che vuoi. Ma se coltivi la consapevolezza, ti troverai in una posizione più favorevole per utilizzare la situazione creativamente, per volgerla a tuo favore o per proteggerti meglio da essa”.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *