Come continuare ad amarsi

Comunichiamo in modo diverso. 

Se lo teniamo presente è facile evitare equivoci e litigi. 

Invece i conflitti nella coppia sono molto frequenti perché, anziché considerare normali le differenze e comportarsi di conseguenza, cerchiamo di opporci ad esse e perfino di annullarle. 

Ci aspettiamo che i rappresentanti del sesso opposto siano simili a noi: vogliano ciò che vogliamo noi, sentano come sentiamo noi, reagiscano come reagiamo noi e parlino come parliamo noi.

Non è possibile perché, come dice lo psicosessuologo John Gray, “gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere”. 

 

Una cosa che succede normalmente a noi donne è offrire consigli non richiesti. Per noi è un segno di interesse. Al contrario gli uomini si sentono facilmente feriti da questo nostro comportamento perché, dal loro punto di vista, è come se  li criticassimo. 

Per noi è normale offrire assistenza a chi si ama, per loro i suggerimenti non richiesti sono frustranti, un po’ come farli sentire incompetenti e deboli.

Allo stesso modo gli uomini ci feriscono quando offrono subito soluzioni le volte in cui ci lamentiamo per qualcosa. 

Pensano in quel modo di aiutarci, invece noi vogliamo semplicemente renderli partecipi dei sentimenti provati durante la giornata perché per una donna condividere il suo stato d’animo è segno di intimità e sentirsi dare velocemente una soluzione può essere percepito come un non voler essere ascoltata.

 

Un’altra classica situazione  che provoca contrasto tra i due sessi è il modo di affrontare lo stress.

Gli uomini tendono a rinchiudersi in se stessi e a rimuginare sui ciò che li preoccupa. Noi donne invece avvertiamo la necessità di parlare dei nostri problemi. 

Per noi condividere ciò che ci affligge è segno di amore e di fiducia. Loro, se sono turbati, diventano in genere estremamente silenziosi e si chiudono in se stessi. 

A volte scherzando con mio marito dico che “è entrato nella sua caverna” (è proprio un’espressione coniata dal dottor Gray). E in effetti è così, quando il mio lui ha qualche preoccupazione ha bisogno di isolarsi per riflettere da solo e trovare una soluzione. 

Inizialmente questo atteggiamento mi sconcertava, poi pian piano ho capito che questo ‘chiudersi nella caverna’ non significa allontanamento. Ho imparato che l’introversione è un meccanismo tipicamente maschile per reagire allo stress e non un modo per esprimere disinteresse.

 

Ho fatto solo qualche esempio ma sono molte le differenze esistenti tra i sessi e senza una chiara consapevolezza di questo non abbiamo la possibilità di capirci e di rispettarci. 

Finiamo col diventare intolleranti e pieni di risentimento, i rapporti diventano logoranti e la magia dell’amore svanisce.

Svanisce anche la salute. 

L’Università di Pittsburgh, quella dello Utah e quella del Michigan  hanno riscontrato, infatti, che le persone che vivono rapporti di coppia poco sereni si ammalano più frequentemente (puoi approfondire cliccando su questo mio precedente articolo: Un matrimonio infelice infiamma l’intestino).

 

Le relazioni, invece, possono prosperare quando la comunicazione riflette accettazione e rispetto delle differenze innate e quando impariamo a convogliare le energie secondo le modalità più apprezzate dal partner. 

Dicendo e facendo la cosa giusta, al momento giusto, l’amore non muore ma continua e cresce nonostante le fatiche e le frustrazioni della vita quotidiana.

Niente è automatico.

Ci vogliono impegno e pazienza. 

Da entrambe le parti. 

Ma ne vale la pena.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *