Carciofo, un aiuto per colesterolo e trigliceridi

 
Tipico della stagione primaverile, il carciofo non dovrebbe mancare sulla nostra tavola, a maggior ragione se si vogliono facilitare dimagrimento e depurazione: consumato crudo, in apertura del pasto, condito con poco olio extravergine di oliva e limone, ha un effetto digestivo sui grassi. Al momento dell’acquisto si deve stare attenti che la punta sia chiusa, le foglie esterne di colore verde scuro e quelle interne tenere. Il gambo invece meglio che abbia poca peluria (se ne ha troppa è indice di poca tenerezza).
 
Le virtù medicali di questa pianta sono però concentrate non tanto nella parte che di solito mangiamo ma soprattutto nelle foglie caulinari, cioè quelle dello stelo: svolgono una forte azione disintossicante e protettrice del fegato,  favoriscono la diuresi e combattono eccesso di colesterolo e trigliceridi. Si raccolgono da marzo a maggio ma sono immangiabili tal quali, ecco tre possibili usi:
 
1.      INFUSO. Si mettono 5-10 gr di foglie in mezzo litro di acqua bollente, si lascia riposare per 10 minuti e si beve (non più di tre tazze al giorno). È molto amaro.
 
2.      TINTURA MADRE. Si acquista in erboristeria o farmacia . 30 gocce in mezzo bicchiere di acqua 3 volte al dì.
 
3.      VINO MEDICINALE. In un contenitore di vetro ben chiuso si fanno macerare 50-60 g di foglie essiccate in un litro di vino bianco tipo marsala. Agitare delicatamente ogni tanto, dopo 10-15 giorni circa si filtra. Conservare in una bottiglia di vetro in un luogo a riparo dalla luce, lontano da fonti di calore troppo elevate. Un bicchierino da liquore dopo i pasti principali.
 
Precauzioni:
  • Evitare l’uso del carciofo durante l’allattamento, in caso di allergie specifiche alla pianta o alle asteraceae in generale.
  • Assumere sotto controllo medico in caso di calcoli biliari.
 

 

 

 

 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *