Ricette naturali per pulizie ecologiche

Una casa pulita e in ordine piace a tutti. Ma che noia e che fatica, riordinare, lavare e mettere a posto!
Per rendere più gradita questa attività il consiglio è di eseguirla con un bel sottofondo musicale. Inoltre, vanno usati rigorosamente prodotti atossici e naturali: l’aria domestica sarà più sana e profumata, e mentre si sfaccenda, non si respireranno schifezze poco salutari.
Qui di seguito qualche astuzia ecologica sorprendentemente efficace:
 
Pavimenti in gres o ceramica  Sciogliere un bicchiere di bicarbonato in un secchio di acqua calda oppure lavare per terra con una soluzione di acqua calda e  aceto (un bicchiere di aceto bianco ogni 5 litri di acqua).
Pavimenti in marmo, granito e pietra naturale  In 3 litri di acqua calda sciogliere 2 cucchiai di bicarbonato, 10 cucchiai di alcol e qualche scaglia di sapone di Marsiglia. Usare un panno in microfibra ben strizzato.
Pavimenti in linoleum  Diventano particolarmente lucidi se lavati con una soluzione di acqua calda saponata e aceto bianco (1 tazza per ogni litro di acqua).
  
Tappeti  Per pulirli a secco si cospargono uniformemente con il bicarbonato, ha azione deodorante e ravvivante dei colori. Si lascia agire per 24 ore, poi si passa l’aspirapolvere (se il tappeto è a pelo raso prima si spazzola).
Macchie di urina sul tappeto  Se avete in casa un bambino piccolo cui state togliendo il pannolino, o un cucciolo da abituare alla lettiera, può succedere. Ecco come rimediare: lavare la zona con acqua calda e sapone di Marsiglia e infine tamponarla con una soluzione preparata con un bicchiere d’acqua e mezzo bicchiere di aceto bianco.
  
Scarpiere  Aggiungere qualche goccia di olio essenziale (il profumo che si preferisce) a un po’ di bicarbonato per neutralizzare i cattivi odori. Si può utilizzare una vaschetta o un sacchettino da appendere in base allo spazio disponibile.
  
Bagno Sanitari, piastrelle e doccia si possono pulire, deodorare e far risplendere con una preparazione ottenuta con acqua calda, aceto bianco e una piccola quantità di detersivo per i piatti. Lasciare agire un poco prima di risciacquare.
Per disinfettare le superfici si può usare l’olio essenziale di timo, contiene una sostanza, il timolo, che è battericida e fungicida: se ne versano 15 gocce nella bottiglia dell’alcol etilico (non profumato) e si passa dove necessario.
  
Cucina  Lavello e zona fuochi (se di acciaio) si deodorano e sgrassano a fondo con acqua molto calda addizionata ad aceto bianco. Alla fine si deve passare velocemente un panno asciutto per evitare aloni e rendere le superfici brillanti.
 
Biancheria  Al posto dell’ammorbidente nella lavatrice si può usare tranquillamente l’aceto bianco: ravviva i colori, igienizza gli indumenti, rimuove completamente i residui di detersivo spesso motivo di prurito  (sia i detersivi che gli ammorbidenti sono frequentemente causa di allergie e il fastidio si sente in particolare sulle parti intime dove la pelle è costretta ad un contatto più diretto con la biancheria).
Attenzione a non mettere l’aceto insieme al detersivo! Al detersivo liquido si può aggiungere semmai un cucchiaio di bicarbonato per potenziarne l’efficacia. L’aceto va messo, invece, direttamente nella vaschetta dell’ammorbidente fino alla sua capienza massima. L’odore tipico che si avverte appena si stende il bucato andrà via se l’asciugatura avviene all’aperto o in un locale ben areato.

 E quando il bucato è asciutto? Per profumare i panni prima di riporli nell’armadio si possono aggiungere due-tre gocce di olio essenziale di lavanda all’acqua della caldaia del ferro da stiro: ha anche il vantaggio di riequilibrare il sistema nervoso eliminando stress e tensione … altro che casalinghe disperate!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *