Primo soccorso congiuntivite bimbi

La congiuntivite è l’infiammazione della membrana mucosa che riveste il globo oculare e l’interno delle palpebre. Nei bambini in genere è causata da un’infezione virale o batterica, da colpi di freddo o dall’esposizione eccessiva ad agenti atmosferici come vento e luce solare.

Può colpire uno o entrambi gli occhi e i sintomi sono rossore, gonfiore palpebrale, lacrimazione, sensazione di corpo estraneo, prurito, fotofobia (cioè fastidio per la luce).

 

Di seguito ALCUNI SUGGERIMENTI DI PRIMO SOCCORSO, non esitate però consultare il pediatra se la problematica non accenna a diminuire nel giro di un paio di giorni e in ogni caso sempre subito in caso di bambini molto piccoli.

 

A livello locale:

  • Pulire gli occhi con dischetti di cotone bolliti in un pentolino d’acqua per cinque minuti e poi lasciati stiepidire in un infuso di camomilla oppure di  the. È importante usare un dischetto per occhio e buttarlo subito dopo l’utilizzo. L’infuso va preparato al momento e non conservato assolutamente. In alternativa in farmacia vendono pratiche salviettine sterili specificatamente dedicate a questo scopo.
  • Applicare colliri pediatrici a base di eufrasia e camomilla (in farmacia).
  • Avere particolare cura dell’igiene, lavando bene le mani prima di pulire gli occhi del bambino e prima di maneggiare il collirio. Cambiare ogni giorno asciugamani e cuscini.

 

Secondo la visione della medicina tradizionale cinese, poiché gli occhi sono collegati al fegato, sarà anche utile prestare attenzione all’alimentazione. Una dieta più leggera (priva di piatti elaborati, cioccolata, formaggi, affettati e zuccheri raffinati) e ricca di cereali, legumi e ortaggi di stagione, soprattutto verdure a foglia verde, velocizza la guarigione.

 

La rosa canina, come gemmoderivato o estratto integrale (entrambi in formulazioni non alcoliche), è un ottimo supporto per la sua azione antiflogistica, antivirale, antiallergica e di sostegno delle difese immunitarie. Ulteriori dettagli a riguardo in questo mio precedente post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *