Mastite, come favorire la guarigione in modo naturale

La mastite è un doloroso inconveniente dell’allattamento che può presentarsi durante le prime settimane dopo il parto. Quando accade una parte della mammella si gonfia e si arrossa con febbre e malessere generale.

 

La causa più frequente è l’ostruzione di uno o più dotti galattofori (piccoli tubicini che fanno defluire il latte fino al capezzolo) dovuta a:

  • suzione debole di alcuni bambini che non riescono a tirare con sufficiente forza,
  • suzione inadeguata per una posizione non idonea del bambino e un suo scorretto attacco al seno,
  • reggiseno molto stretto che può comprimere troppo bloccando il fluire del latte.

In base alla visione naturopatica all’origine della mastite può stare anche un eccesso di calore e umidità. Questo significa che per qualche giorno è meglio evitare, o almeno ridurre notevolmente, gli alimenti che scaldano eccessivamente stomaco, intestino e fegato (come insaccati, spezie, the, caffè, cioccolato, carni rosse), ma anche quelli che creano umidità interna (ad esempio il latte vaccino e i suoi derivati oppure anche un’eccessiva quantità di frutta).

 

Per facilitare la guarigione dunque è necessario migliorare l’alimentazione. Inoltre alcuni oligoelementi e macerati glicerici sono rimedi utili per la fase acuta, passata la quale sarà necessario procedere con un’azione di drenaggio tissutale specifico.

A livello locale aiutano molto fin da subito gli impacchi tiepidi al seno che si preparano versando in 250 ml di acqua 3 gocce di olio essenziale di lavanda vera. Si immerge un piccolo asciugamano lasciando che si impregni e poi si applica sul seno tenendo in posa la compressa aromatica per 15 minuti.

Dopodiché si massaggia mammella e capezzolo con un oleolito di calendula oppure con l’olio extravergine di oliva (avendo sempre l’accortezza di ripulire accuratamente la zona prima di allattare).

 

Agendo ai primi sintomi di seno caldo e ingorgato è possibile risolvere rapidamente e in modo dolce questa problematica.

Anche se doloroso, è importante non sospendere l’allattamento in questa situazione, ma anzi favorire suzioni frequenti. La cura migliore, infatti, è proprio allattare poiché in questo modo si svuotano le mammelle.

 

P.S.

Ci sono alimenti ed erbe che favoriscono la produzione di un buon latte materno. Puoi approfondire in questo mio precedente post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *