Indispensabile zenzero

 
Dal momento che stiamo andando incontro all’autunno e all’inverno, è il caso di tenere questa spezia in casa poiché riscalda e combatte il freddo. È utile, inoltre, per contrastare numerose piccole emergenze. Le sue proprietà medicinali sono conosciute da millenni nelle culture orientali e oggi confermate anche da numerosi studi condotti in occidente.
 
Ma è bene che lo zenzero, chiamato anche ginger, sia innanzitutto scelto con accortezza. Essiccato (in pezzi o in polvere) o fresco si acquista presso alcuni fruttivendoli, in molti supermercati e nei negozi di alimentazione naturale.
Fresco è meglio usarlo per pietanze e infuso, essiccato invece aiuta a stimolare la funzione epatica e l’appetito. Ovviamente è sempre da preferire quello proveniente da coltivazioni biologiche e se prendi la radice fresca fai attenzione che la buccia sia integra e carnosa, non molle o rugosa. Si spela con un pelapatate (solo la parte che occorre) e il resto si conservain frigo in un sacchetto per alimenti dal quale si deve far uscire tutta l’aria. Va poi consumato entro 3 settimane.
 
Quando può essere utile lo zenzero? Per numerosi disturbi, ecco alcuni possibili impieghi:
 
  • RAFFREDDORE E INFLUENZA
Puoi preparare una tisana versando 100 ml di acqua bollente su 5 g di polvere di zenzero essiccato o di zenzero fresco grattugiato, si copre e si lascia riposare per 10 minuti, poi si filtra. Prima di bere si aggiunge il succo di mezzo limone e del miele. Se ne bevono 3-4 tazze al giorno. Funziona molto bene se si interviene subito ai primi sintomi.
 
  • NAUSEA DA VIAGGIO
Personalmente ho sempre trovato molto d’aiuto tenere in bocca un pezzettino di radice fresca di zenzero (è piccante, deve piacere il sapore) ma sono efficaci – e forse più gradevoli per chi non ha troppa confidenza con questa spezia – anche alcune gomme da masticare a base di zenzero che si trovano nei negozi di alimentazione naturale. Per i più piccoli invece meglio i cerotti imbevuti del suo olio essenziale da attaccare ai vestitini vicino al collo per facilitare l’inalazione dell’aroma. Si trovano in farmacia, scegliere quelli 100% naturali.
 
  • NAUSEA IN GRAVIDANZA
Per contrastarla si può fare un uso moderato dello zenzero utilizzandolo come spezia in cucina oppure come tisana, magari addolcita con un pochino di miele (acqua calda + mezzo cucchiaino di radice di zenzero fresca grattugiata).
 
  • IPEREMESI GRAVIDICA
È la forma di nausea e vomito più grave che si può presentare in gravidanza. In questi casi si è rivelata efficace la forma essiccata di zenzero che si può utilizzare tranquillamente sotto controllo medico.
 
  • DISTURBI DIGESTIVI
Una tazzina calda di tisana dopo i pasti aiuta a digerire bene.
 
  • COLESTEROLO ALTO
Uno studio riferisce buoni risultati nel ridurre i livelli di colesterolo nel sangue ottenuti con la somministrazione di zenzero. Un motivo in più per inserire abitualmente nell’alimentazione questa spezia  sia fresca che in polvere.
 

Lo zenzero non ha solitamente effetti collaterali ma, in alcuni soggetti particolarmente sensibili,  potrebbe creare bruciori di stomaco. Prudenza invece va usata in caso di calcoli biliari. Se ne soffri, meglio utilizzarne quantità modeste in cucina ed evitare le preparazioni erboristiche.

 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *