Cuscini curativi

Durante una permanenza in Trentino, qualche tempo fa, ho avuto l’opportunità di sperimentare i CUSCINI CURATIVI.

Fatti con pula di farro, gusci di miglio, grano saraceno, noccioli d’uva o di ciliegia ed erbe di alta montagna, aiutano molto in caso di problemi come artrosi cervicale, mal di testa, contrazioni muscolari, reumatismi e infiammazioni varie. 

 

IL CUSCINO DI FARRO ha un effetto massaggiante e favorisce un piacevole sonno. Nella pula di farro è contenuta un’alta quantità di acido silicico che ha effetti benefici per contrazioni muscolari, dolori cervicali, mal di testa, dolori reumatici, dolori mestruali, sinusiti e infiammazioni.

 

IL CUSCINO DI MIGLIO conserva il calore nei periodi dell’anno più freddi invece, durante l’estate, ha un effetto rinfrescante. Aiuta la colonna vertebrale ad assumere una posizione ideale dal punto di vista ortopedico e,  per l’alto contenuto di acido silicico,  è utile per disturbi cervicali, mal di testa, dolori reumatici e mestruali.  È adatto ai bambini e alle persone che sono costrette ad una lunga permanenza a letto.

 

IL CUSCINO DI GRANO SARACENO stimola il deflusso sanguigno dagli arti,  sotto le gambe favorisce il defaticamento e aiuta la circolazione con buoni effetti sui vasi.

 

I CUSCINI CON NOCCIOLI DI CILIEGIA O SEMI DEGLI ACINI D’UVA sostituiscono egregiamente la borsa dell’acqua calda o le compresse di ghiaccio quando è bene evitare l’umidità dell’acqua.

 

Si possono scaldare nel microonde a livello medio per un paio di minuti o nel forno a 100 gradi per circa 12 minuti e in questo caso sono benefici per mal di stomaco, dolori mestruali, torcicollo, contrazioni muscolari, reumatismi, bronchiti e sinusiti. Invece per l’utilizzo come compressa fredda (d’aiuto in caso di contusioni, distorsioni, infiammazioni e febbre alta) si mettono nel congelatore per 4 ore proteggendoli con un sacchetto di nylon.

 

In montagna le persone anziane utilizzano normalmente fasce per la pancia, per la nuca, per i reni con dentro sacchettini asportabili riempiti di semi degli acini di uva.  Esistono persino delle ginocchiere e delle gomitiere realizzate con i vinaccioli.

Sono usanze tramandate dall’antichità e, se ancora persistono, evidentemente è perché si riscontra una certa efficacia.

Come il cuscino di miglio anche quello realizzato con semi degli acini d’uva, accumulando in modo naturale la temperatura, è ideale per una coccola ai  bimbi piccoli  al momento della buonanotte. In questo caso meglio scegliere un animaletto realizzato in puro cotone contenente un sacchettino asportabile che si può mettere a scaldare un poco prima di adagiarlo nel lettino.

 

Esistono infine anche dei CUSCINI REALIZZATI CON IL FIENO utili per i reumatismi OPPURE CON ERBE DI ALTA MONTAGNA benefici per la respirazione o anche per favorire il relax.

 

Io ho optato per un piccolo cuscino contenente camomilla, lavanda, iperico, salvia, melissa e miglio. Nelle sere in cui sono stanca, ma fatico a prendere sonno perché magari ho fatto tardi al computer e la mia mente è ancora troppo attiva, me lo stringo al petto e col tepore del corpo il profumo che sprigiona mi rilassa agevolando l’addormentamento.

Il mio consiglio, se questo post ha solleticato la tua curiosità, è di cercare prodotti integralmente naturali cioè realizzati con materie prime biologiche (sia il rivestimento che il contenuto interno). Allora sì che saranno in grado di apportare benefici e forza vitale all’organismo.

Ricorda che i cuscini naturali non devono essere assolutamente bagnati, solo arieggiati periodicamente al sole.

Protetti con una federa di lino o cotone mantengono i loro effetti benefici dai 5 ai 7 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *