Cambio stagione: disintossicati e doma la stanchezza

 
La primavera sta arrivando. E proprio mentre la natura fiorisce ed esprime tutto il suo prepotente impulso di rinnovamento, molti di noi accusano chiari segnali di malessere: sonnolenza, stanchezza, difficoltà di concentrazione. Anche lo spirito ha una più facile tendenza alla malinconia.
Non c’è da stupirsi. Dopo mesi vissuti a ritmi frenetici, tra lavoro, impegni quotidiani e forse anche stravizi alimentari, il corpo ha bisogno di una pausa, dell’opportunità di smaltire le scorie accumulate per consentire all’energia di ricominciare a fluire liberamente e tornare al più presto in forma.
 
Per qualcuno il recupero è più faticoso perché l’esponenziale aumento delle sostanze chimiche cui siamo esposti (ambiente, cibo, farmaci) ha fatto perdere all’organismo la capacità di liberarsi da solo delle tossine ma, cambiando le nostre abitudini, modo di alimentarsi e facendo ricorso al mondo vegetale che in questo periodo, è in piena fioritura, è possibile (con costanza e pazienza) riconquistare equilibrio e benessere.
Non sai da dove cominciare? Ecco alcuni suggerimenti per ritrovare vigore in questo passaggio stagionale, ovviamente sono indicazioni molto generiche: un inquadramento del tuo terreno costituzionale permetterà al naturopata di darti consigli più mirati e personalizzati.
 
Per aiutare l’organismo a riacquistare slancio e forza una corretta alimentazione è fondamentale e la cosa migliore è depurare il corpo per poi rifornirlo di nuove energie con i cibi giusti:
 
  • Al bando, quindi, insaccati, alcolici, dolciumi, piatti elaborati e precotti e via libera ad alimenti disintossicanti come frutta, cereali integrali in chicchi , legumi e verdura cruda o poco cotta (in particolare carciofi, tarassaco, cicoria, rucola).
  • Se mangi carne (meglio bianca) e pesce prediligi metodi di cottura molto semplici.
  • Inserisci nella tua dieta anche i germogli: sono il segreto per la rinascita primaverile. In commercio ne esistono di vari tipi già pronti (di soia, grano, alfa-alfa, crescione e orzo), ma la cosa migliore e farseli da soli a casa. Vanno consumati freschi, sono facilmente digeribili e concentrano in sé tutta la forza embrionale della pianta. Sono capaci di stimolare il naturale processo di depurazione dell’organismo e di potenziarne le difese naturali. Li puoi aggiungere alle insalate e alternarli ai semi di sesamo o di girasole, anch’essi ricchi di enzimi, vitamine e oligoelementi. 
  • Nel preparare i cibi ricordati di limitare il più possibile l’uso del sale (che trattiene l’acqua e le scorie nei tessuti) e affidati alle erbe aromatiche per insaporire, sono anche ottimi stimolanti naturali: rosmarino, origano, timo, prezzemolo e santoreggia son quelle da preferire in questo periodo.
  • Per condire, oltre all’olio extravergine di oliva puoi utilizzare quello di germe di grano (è ricco di principi nutritivi e rigenera sistema nervoso e pelle) e anche il succo di limone che fornisce vitamina C.
  • Non dimenticare i centrifugati di frutta e verdura di stagione (chiaramente da agricoltura biologica): aiutano l’organismo a ripulirsi e nello stesso tempo apportano alle cellule vitamine e minerali in forma facilmente digeribile.
  • L’aglio è un bulbo dalle tante virtù  e per il suo contenuto in zolfo è in grado di ossidare alcuni metalli pesanti (mercurio, cadmio e piombo), renderli solubili in acqua ed eliminabili dal corpo. Andrebbe consumato preferibilmente crudo.
  • Infine le spezie: curcuma, zenzero, cumino, coriandolo e cannella non devono mancare nella tua cucina se vuoi mettere in pratica un programma disintossicante.
 
Per vincere la stanchezza e permettere un’efficace depurazione anche lo stile di vita richiede nuove e più sane abitudini:
 
  • Innanzitutto bere a sufficienza. L’acqua è indispensabile per favorire l’attività dei nostri organi emuntori, cioè degli organi deputati all’eliminazione delle tossine, ed è fondamentale che sia acqua con caratteristiche salutari.
  • Masticare bene. Ci sono almeno 7 buone ragioni per farlo.
  • Sforzati di coricarti e svegliarti alla solita ora (presto), senza variare gli orari durante la settimana. È la prima regola per riequilibrare l’organismo, tieni presente che l’eliminazione delle tossine dall’organismo avviene soprattutto nella fase notturna.
  • La mattina, al risveglio, prima di alzarti da letto, stirati a lungo come un gatto: il passaggio dall’inattività della notte alle varie attività della giornata deve essere graduale.  
  • Al lavoro rispetta orari ragionevoli e concediti, nell’arco del giorno, brevi pause per “staccare” con la mente e cambiare la postura del corpo.  
  • Muoviti. Un’attività fisica regolare fa bene al fisico, aiuta ad alleggerire la mente dall’eccessivo rimuginio ed è un momento di autentica libertà.  
  • Imponiti di tenere il cellulare lontano dal corpo durante il giorno e fuori dalla camera da letto di notte.  
  • Il processo di disintossicazione non deve riguardare solo il fisico ma anche la testa. È bene fare un lavoro di pulizia anche sugli schemi mentali acquisiti e limitare le cattive notizie rinunciando ai mass media, specie a tavola.
  • La sera, prima di andare a dormire, regalati un pediluvio con limone o zenzero. Basta aggiungere all’acqua calda qualche goccia di olio essenziale per allontanare la spossatezza e predisporre ad un sonno rigenerante (il limone, inoltre, è anche immunostimolante). Come base si utilizzano a scelta 2-3 cucchiai di: miele, panna, argilla o sale con 3-5 gocce di oli essenziali.
 
Infine i rimedi dolci. Quelli che favoriscono la depurazione dell’organismo e offrono una risposta alla stanchezza fisica e mentale del cambio stagione sono davvero tanti, te ne elenco alcuni:
 
  • Piante  (sotto forma di Succhi, Tinture Madri, Gemmoderivati, Estratti)
  • Oligoelementi
  • Rimedi floreali  
  • Sali di Schussler
  • Integratori alimentari
 
Non entro nello specifico perché ogni persona è unica e il naturopata sarà in grado di consigliarti il rimedio più adatto a te solo dopo aver analizzato il tuo “terreno globale” e la tua appartenenza costituzionale e valutato le influenze ambientali e relazionali  sul tuo stato di benessere.
 
A volte quando il corpo inizia a liberarsi dalle tossine ci si può sentire peggio. Non preoccuparti, è solo una reazione temporanea dovuta alla mobilitazione delle scorie. Man mano che continuerai con la disintossicazione, rifioriranno le energie, crescerà la tua sensibilità e migliorerà anche il buonumore.
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *